Posts in Category: Disturbi alimentari

Obesità e disturbi dell’alimentazione in adolescenza

obesità nell'adoelscenzaL’elevata diffusione in adolescenza dell’obesità e dei disturbi dell’alimentazione (eating disorders, ED), rimanda al sempre più difficile rapporto dei giovani con il cibo e il proprio corpo. Nel biennio 2011-2012 il 34,5 % degli adolescenti americani tra i dodici e i diciannove anni erano obesi o in sovrappeso (Ogden et al., 2014; National Center for Health Statistics, 2011). Nonostante i dati attuali indichino una stabilizzazione del fenomeno, negli ultimi trent’anni il numero di adolescenti obesi è quadruplicato, mentre i disturbi dell’alimentazione rappresentano la terza causa di cronicità tra gli adolescenti, dopo obesità e asma (Golden et al., 2016). Anche se il rapporto femmine/maschi nel presentare un disturbo dell’alimentazione è riportata essere di 9:1, la prevalenza di questi disturbi sembra essere in continua crescita tra i giovani maschi. Si è visto che alcune raccomandazioni, anche se fatte con le migliori intenzioni, sulla gestione del peso corporeo tra i giovani e gli adolescenti, possono rinforzare comportamenti disfunzionali e paradossalmente favorire l’insorgenza di disturbi del comportamento alimentare. Per questi motivi Neville Golden e colleghi della Stanford University, in un report pubblicato recentemente sulla rivista Pediatics (“Preventing Obesity and Eating Disorders in Adolescents”, 2016), hanno cercato di sfatare alcuni luoghi comuni nel counseling su una corretta alimentazione tra gli adolescenti, fornendo delle linee guida più adeguate per pazienti e familiari. Il report affronta l’interazione tra le condizioni di obesità e, più in generale, i disturbi alimentari negli adolescenti, individuando i fattori di rischio e di prevenzione in entrambe le situazioni, cercando di fornire delle nuove linee guida evidence-based per prevenire condotte alimentari scorrette e identificare i comportamenti maggiormente a rischio tra i giovani.

L’Ortoressia Nervosa: un disturbo travestito da virtù.

ortoressiaIntroduzione
Il fenomeno dell’ ‘ortoressia nervosa’ può essere definito come un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dalla fissazione tematica degli individui sul cibo ‘sano’, a scapito di quello ritenuto ‘contaminato’ o ‘impuro’, e dall’ossessione per una nutrizione ‘appropriata’ (Bratman e Knight, 2000). Tale condotta alimentare devia da una normale attitudine salutistica nella misura in cui influenza non solo i ritmi e le abitudini di vita dell’individuo ortoressico, ma va anche a gravare sulla sua rete relazionale e sociale: infatti, modificando frequentemente il suo stile di vita alla continua ricerca di un perfezionismo salutistico, il soggetto ortoressico finisce progressivamente con l’isolarsi, prendendo le distanze da coloro i quali non condividano il suo sistema di regole alimentari, precise e imprescindibili, o da chi, semplicemente, non ne comprenda le scelte.
L’ortoressia inizia quando un regime dietetico diventa una “fuga dalla vita”, e le attività quotidiane diventano monopolizzate dalla ricerca, acquisto e preparazione di cibi ‘salutari’ e ‘appropriati’.